Il vescovo Cuttitta a Ragusa per San Francesco

“In questi giorni abbiamo rivolto lo sguardo verso San Francesco per cogliere il messaggio che egli ci dà. Lasciamoci provocare dalla scelta che questo santo ha fatto e accogliamo il Signore nella nostra vita in modo radicale”. Così il vescovo della diocesi di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, in un passaggio dell’omelia della solenne celebrazione di ieri sera in occasione della giornata liturgica dedicata al poverello d’Assisi nella chiesa dei Cappuccini, nel centro storico superiore di Ragusa. A concelebrare il parroco, don Salvatore Converso, padre Pippo Occhipinti e il parroco di San Pier Giuliano Eymard, don Giuseppe Russelli. Molto accorato l’appello che il vescovo ha rivolto ai fedeli nel chiedere agli stessi di seguire con grande attenzione e trepidazione le strade tracciate dal Signore.

In mattinata era stato il parroco a intrattenere gli alunni della Cesare Battisti e della Vann’Antò, plesso Ecce Homo, sulla figura del santo. Le celebrazioni, ieri sera, si sono concluse con il suggestivo concerto, tenutosi in chiesa e dedicato al poverello d’Assisi, eseguito dal maestro Peppe Arezzo con il tenore Lorenzo Licitra. Particolarmente toccante l’interpretazione di “Fratello Sole, Sorella Luna” che ha entusiasmato i numerosi presenti i quali hanno applaudito, al termine dell’esibizione, in maniera convinta. Ieri i festeggiamenti sono dunque giunti al termine. Da mettere in rilievo che, nel corso di queste giornate, l’impresa ecologica Busso Sebastiano, ditta che gestisce il servizio di igiene ambientale sul territorio cittadino, ha profuso grande impegno nel garantire la straordinaria pulizia delle strade del quartiere durante tutto il periodo in cui si sono svolti i festeggiamenti. Un impegno che è stato particolarmente apprezzato da tutti i residenti dell’area parrocchiale.