Ascom Ragusa su Tarsu attività produtive

La Tarsu sulle superfici pertinenziali esterne delle attività produttive. E' stato questo l'argomento discusso nell'incontro promosso dall'Ascom e tenutosi mercoledì sera nella sede della sezione cittadina. Dopo un accurato confronto su quali le strategie migliori da adottare per alleviare il disagio nei confronti degli operatori economici, il presidente Salvo Ingallinera, ha dichiarato: “Stiamo esaminando le varie opzioni. Ci opporremo nelle opportune sedi, laddove riteniamo che ricorrano le condizioni per poterlo fare. Stiamo studiando la questione su un piano più ampio con la speranza di riuscire ad addivenire a una soluzione globale. Ricordiamo che la richiesta della Tarsu sulle aree pubbliche scaturisce dalla nuova anagrafe immobiliare tributaria predisposta dal Comune che costerà ai cittadini ragusani circa 6 milioni di euro nei prossimi cinque anni di cui circa 3,5 milioni andranno alla azienda aggiudicatrice della gara per la formazione di detta anagrafe sotto forma di aggio. Si tratta, a nostro modo di vedere, di una scelta miope operata dalle Amministrazioni comunali passate e presente. Infatti, l’aggio che sarà riconosciuto all’azienda è del 48% più Iva al raggiungimento di un accertato complessivo pari a sei milioni di euro”.