Modica, "doposcuolisti" comunali negli uffici del Comune

L’Amministrazione comunale con un’apposita delibera ha distribuito nei vari Settori dell’Ente i sessanta dipendenti comunali che dal 5 settembre scorso hanno cessato il servizio di doposcuola ed attività integrative nelle scuole della città. La distribuzione nei settori carenti di personale, dovuti anche al prepensionamento dei vari impiegati, è avvenuta secondo una valutazione legata ai titoli di studio.

“Sono tutti dipendenti comunali – commenta l’assessore al Personale, Pietro Lorefice – che pur avendo una retribuzione contrattuale di 36 ore settimanali, hanno di fatto svolto degli orari lavorativi full time di 18 ore settimanali legati proprio alle attività scolastiche. Adesso svolgeranno lo stesso orario lavorativo dei dipendenti comunali con due rientri pomeridiani. Alcuni dovranno fare dei corsi specifici alle nuove mansioni amministrative mentre altri sono stati già stati inseriti in settori consoni ai loro titoli di studio. Questo ci consentirà di migliorare la qualità lavorativa dell’Ente che in determinati ambiti necessitava di maggiore personale”. La nuova rideterminazione della dotazione organica comunale ha dato vita ad una riduzione dei posti vacanti dal 38,59 al 18,59. Inoltre non si registreranno alcune variazioni di spesa per le casse comunali, né variazioni nella categoria di inquadramento contrattuale ma soltanto una modifica del profilo professionale del personale in “istruttore amministrativo” che permane nella categoria contrattuale C.