Pozzallo, rivenuto residuo bellico

I militari della locale Stazione Carabinieri di Pozzallo, ieri mattina, durante i normali servizi di controllo del territorio, hanno rinvenuto in un terreno di contrada Bosco Pisani, un residuato bellico, per la precisione un proiettile di artiglieria inesploso, risalente all’ultimo conflitto mondiale e del peso all’incirca di una decina di Kg. Considerato che l’ordigno, all’apparenza, sembrava in buono stato di conservazione e, quindi, potenzialmente estremamente pericoloso perché ancora in grado di esplodere, i carabinieri intervenuti sul posto procedevano subito a delimitare la zona e a richiedere l’intervento di personale specializzato artificiere dell’Esercito Italiano, che procederà al brillamento, al disinnesco e alla rimozione dell’ordigno.

La zona, fino ad allora, verrà continuamente vigilata tramite le pattuglie dell’Arma presenti sul territorio, in maniera tale da evitare che qualcuno possa accidentalmente o per mera curiosità avvicinarsi alla zona, con grave pericolo per la propria incolumità personale, visto il potenziale esplosivo del proiettile. Quello di ieri è soltanto l’ultimo, in ordine di tempo, dei numerosi rinvenimenti di residuati bellici che avvengono sul territorio della provincia di Ragusa che, nel corso dell’ultimo conflitto mondiale, è stato purtroppo teatro d’intensi combattimenti tra nazifascisti e alleati.