Ragusa "piazza Libertà ridotta a discarica"

“Ragusa, qualche giorno fa, dopo che le bancarelle sistemate per la festa del patrono sono andate via, si è risvegliata in una condizione a dir poco disastrosa. La piazza Libertà, uno dei cuori pulsanti della città, era sommersa di rifiuti lasciati in maniera indebita da chi, fino a qualche ora prima, aveva condotto i propri affari in assoluta tranquillità. Ora, se qualche piccolo problema per quanto riguarda la spazzatura abbandonata in strada dopo eventi del genere ci può anche stare, è intollerabile che gli ambulanti abbiano lasciato traccia del proprio passaggio in maniera così disastrosa.

La piazza Libertà, nelle prime ore del mattino del 31 agosto, sembrava una succursale della discarica. Inconcepibile”. E’ la consigliera comunale Elisa Marino a mettere in rilievo una circostanza che ha fatto storcere il naso a parecchi cittadini. “Per fortuna, gli operatori ecologici e i mezzi della ditta Busso, che gestisce il servizio di igiene ambientale sul territorio comunale di Ragusa – aggiunge Marino – si sono dati da fare con parecchio olio di gomito per fare ritornare una parvenza di civiltà. E di questo li ringrazio pubblicamente perché altrimenti al risveglio i ragusani si sarebbero ritrovati una discarica sotto casa. Questo non ci esime, però, dall’avanzare una riflessione. Perché si deve arrivare a questo punto? Possibile che non si riesca a trovare una strada che favorisca una soluzione ideale? Perché gli ambulanti non sono sensibilizzati a lasciare la spazzatura in appositi contenitori?

Sono tutti interrogativi che l’Amministrazione comunale dovrebbe farsi anche perché lo stesso problema, periodicamente, si verifica al mercato del mercoledì e anche, come mi segnalano, nei vari mercati rionali che si tengono con cadenza settimanale. Sarebbe opportuno che il Comune facesse sentire meglio la propria voce anche sanzionando chi non rispetta determinate regole legate al decoro pubblico. Ragusa non può affatto presentarsi in questo stato, come testimoniato dalle foto di piazza Libertà che hanno fatto il giro dei social suscitando grande indignazione da parte di tutti i ragusani”.