Sicilia, record per lo Slalom Sciacca Terme

La 3a edizione dello Slalom Sciacca Terme (al quale anche per quest’anno è abbinato il Memorial ‘Pasquale Tacci’, in ricordo delle imprese sportive di uno tra i più grandi pionieri dell’automobilismo saccense e siciliano) passerà alla storia come una kermesse da record. Il numero dei piloti iscritti ha infatti raggiunto nelle ultime ore la ragguardevole cifra di 119, stabilendo in questo modo il primato stagionale di presenze in una corsa automobilistica tra i birilli almeno in territorio regionale. Un primato condiviso con il 21° Slalom Torregrotta-Roccavaldina, prova di Campionato italiano della specialità, che si è disputato ad aprile nel Messinese facendo registrare appunto 119 partenti. Per gli amanti delle statistiche in Sicilia, è stato invece staccato di una sola lunghezza il recente 14° Slalom Agro Ericino, anch’esso valevole per il Tricolore, “fermo” a quota 118 iscritti.
Comunque sia nella due giorni, 18 e 19 giugno, sarà spettacolo, lo spettacolo che solo i motori sanno offrire. A Sciacca è atteso il pubblico delle grandi occasioni, da tutte le province isolane ed anche da oltre Stretto, in qualche caso. Questo pomeriggio il “primo atto” del 3° Slalom Sciacca Terme, le canoniche verifiche sportive e tecniche, previste, rispettivamente, dalle 14.30 alle 19 nei locali del Bar del Corso, nel centrale corso Vittorio Emanuele e dalle 15 alle 19.30 nella vicina e suggestiva piazza Scandaliato, autentico “salotto” e “cuore pulsante” della cittadina agrigentina.
Si farà sul serio oggi, domenica 19 giugno, quando sarà dato il via alla prima tra le tre manche cronometrate, a partire dalle 9, con il coordinamento del direttore di gara ennese Lucio Bonasera. Tredici, nel suo complesso, le postazioni di rallentamento realizzate per i concorrenti, con altrettante serie di birilli collocati in punti ‘nodali’ del percorso. La premiazione riservata ai vincitori si terrà alle 15.30 (solo dopo l’apertura del parco chiuso), nel piazzale antistante la Basilica Santuario di San Calogero al Monte.
Lo Slalom Sciacca Terme si disputerà lungo la strada provinciale 54, arteria che, dalla periferia, s’inerpica sino al monte Kronio, che sovrasta la città termale. Il tratto interessato dalla corsa è della lunghezza di poco meno di 3 km (2,990 km, per essere esatti). Lo “start” sarà localizzato sul prolungamento di via Aldo Moro (dove è stato previsto l’allineamento per le vetture, poco prima della partenza), mentre l’arrivo è individuato lungo la via San Calogero al Monte (sempre ricadente sulla s.p. 54), non lontano dalla famosa Basilica Santuario dedicata a San
Calogero. Il percorso verrà poi chiuso dalle autorità locali al transito veicolare già a partire dalle 7 di domenica.

Confermata la prevedibile sfida al vertice, per la vittoria assoluta, tra il ventisettenne trapanese (nato a Buseto Palizzolo) Giuseppe Castiglione, campione siciliano Slalom in carica e vincitore di cinque gare quest’anno, con la Radical Prosport Suzuki iscritta dalla scuderia Armanno Corse Palermo ed il plurititolato catanese (abita e lavora ad Adrano) Mimmo Polizzi, a sua volta tornato alle competizioni proprio a Sciacca dopo lunghi mesi d’assenza, con un’Elia Avrio ST09 Evo Suzuki completamente rimessa a nuovo, per i nuovi colori della Tm Racing Messina. “Profumo” di podio, nelle previsioni della vigilia, anche per i due fratelli trapanesi (pure loro di Buseto Palizzolo) Andrea, con la Osella PA 21S Honda e Pietro Raiti (Bogani SN84 Suzuki), quest’ultimo recente secondo assoluto nello Slalom Città di Sant’Angelo Muxaro.