Ragusa, successo per il Gardel Tango Ensemble

Una folta platea di persone ha assistito allo spettacolo della 21esima Stagione Concertistica Internazionale “Melodica” promossa dall’omonima associazione e con la direzione artistica della pianista Diana Laura Nocchiero. Al Teatro Don Bosco protagonista è stato il “Gardel Tango Ensemble” che ha visto il magico intreccio della voce di Maurizio Maiorana, con le chitarre di Mimmo La Mantia e Tobia Vaccaro che in alcuni brani ha suonato anche il violino. Questi tre bravissimi musicisti hanno proposto un originale programma dedicato al tango cantato con molte composizioni del grande Carlos Gardel.
Maurizio Maiorana con la sua voce profonda ha introdotto ogni brano spiegandolo con varie aneddoti, creando così, insieme ai colleghi La Mantia e Vaccaro un’atmosfera calda e accogliente.
Questi tre splendidi artisti hanno dimostrato di possedere, oltre ad una notevole padronanza tecnica, anche un gran senso della musica e del ritmo e hanno trasmesso forti emozioni grazie alle sonorità morbide e raffinate, a tratti anche energiche, con echi sudamericani e con molte improvvisazioni, dando la possibilità agli ascoltatori presenti di conoscere aspetti inediti del tango che in genere è associato al ballo e che raramente si ascolta cantato. Tantissimi gli applausi molto calorosi che il pubblico ha tributato a questi grandi artisti che hanno riproposto come bis un suggestivo brano di Gardel.
L'associazione musicale Melodica ha concluso in modo eccellente una 21esima edizione ricca di successi e di concerti di altissimo livello nonostante i grandi sacrifici dovuti alla temporanea mancanza di finanziamenti pubblici, cosa che ha posto l'associazione in serissime difficoltà economiche tanto da mettere in dubbio l'organizzazione della prossima stagione.
Nella speranza che anche l'Amministrazione comunale possa tornare ad appoggiare la manifestazione, si sta intanto formando un comitato, costituito da molte persone del pubblico, che vuole salvare questa importante tradizione culturale molto attesa dai ragusani e che dura ormai da 21 anni. Quindi appuntamento, si spera, alla 22esima edizione.