Insieme "allarme per bambinopoli di Marina di Ragusa"

“I nostri bimbi, nell'unica bambinopoli di Marina di Ragusa, possono scegliere il modo in cui rompersi l'osso del collo o infilzarsi un chiodo in una mano o un piede”. A sostegno di questo grido d’allarme il gruppo consiliare di Insieme allega delle foto che la dicono lunga sullo stato di abbandono in cui verso il parco giochi Padre Pio della frazione rivierasca. A dare man forte al consigliere di Marina di Ragusa Angelo Laporta, che da sempre richiama l’attenzione dell’amministrazione sulla bambinopoli, è ora tutto il resto del gruppo consiliare formato da Maurizio Tumino, Peppe Lo Destro, Elisa Marino e Giorgio Mirabella, che si fanno portavoce e condividono le esternazioni dei cittadini che affermano “non dovrebbe essere il compito degli amministratoti vigilare, visto che vengono pagati per questo? Un'amministrazione "sana" dovrebbe garantire ai più piccoli di poter giocare liberamente in un luogo pubblico senza dover correre dei pericoli”. I consiglieri di Insieme fanno notare che “la bambinopoli del parco padre Pio a Marina di Ragusa versa in uno stato di incuria ed abbandono. Da oltre un anno i giochi per i bambini versano in uno stato di pericolosità assoluta. In questi giorni alcuni cittadini ci hanno chiesto di farci carico della questione per cercare attraverso una interlocuzione con l'Amministrazione di cercare di risolvere il problema”. (da.di.)